Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.calendariodelpopolo.it/home/config/ecran_securite.php on line 283
Basso Lelio - Calendario del Popolo

Basso Lelio

Postato da Redazione il 7 07 2013 in Chi siamo, Gli autori

(Varazze, 1903 – Roma, 1978) è stato un avvocato e politico italiano.
Nel 1921 si iscrisse alla Facoltà di Legge dell’Università di Pavia e aderì al Partito socialista italiano. Studiò la dottrina marxista e fu al fianco di Piero Gobetti durante il breve periodo di pubblicazione della rivista politica La Rivoluzione liberale. Lavorò per diversi giornali e riviste, tra cui Critica sociale, Il Caffè, Avanti!, Coscientia, Quarto Stato e Pietre, che diresse nel 1928, inizialmente da Genova e poi da Milano. Nel 1925 si laureò in legge. Nell’aprile 1928 fu arrestato a Milano e internato sull’isola di Ponza, dove studiò per la sua laurea in Filosofia. Tornò a Milano nel 1931 e mentre faceva pratica da avvocato si laureò con una tesi su Rudolf Otto. Nel 1934 tornò a fare politica in qualità di direttore del Centro interno socialista, insieme a Rodolfo Morandi, Lucio Luzzatto ed Eugenio Colorni. Questo impegno fu però interrotto da un ulteriore arresto e la successiva reclusione nel campo di concentramento di Colfiorito (Perugia) dal 1939 al 1940. Nel 1943 Basso rifiutò la politica partitica per fondare il giornale clandestino Bandiera rossa. Nel periodo precedente la Liberazione Basso fu membro attivo della Resistenza, e insieme a Sandro Pertini e Rodolfo Morandi fondò Alta Italia, il corpo esecutivo segreto dello PSIUP, che egli aveva la responsabilità di dirigere.
Dopo la Liberazione fu eletto vice-segretario del PSIUP e, nel 1946, divenne deputato dell’Assemblea costituente. Fece parte della commissione, formata da 75 membri, che dovevano scrivere il testo della Costituzione e contribuì in particolar modo alla formulazione degli articoli 3 e 49. Dal 1946 al 1968 fu costantemente eletto alla Camera dei deputati. Fu eletto quindi senatore nel 1972 e nel 1976.
Nel 1946 fondò la rivista Quarto Stato, che continuò a essere stampata sino al 1950.
Basso fu membro attivo della sinistra del PSI dal 1959. Nel dicembre 1963 egli fece una dichiarazione di voto alla Camera, sottoscritta da 24 membri della minoranza del gruppo parlamentare socialista, contro il primo governo di Centro-Sinistra. Questo gesto gli fece guadagnare la sospensione dal partito e nel gennaio 1964 partecipò all’assemblea costituente del nuovo PSIUP. Basso fu uno dei leader del nuovo partito e ne fu presidente dal 1965 fino al 1968, quando, a seguito della Primavera di Praga, le truppe del Patto di Varsavia invasero la Cecoslovacchia.
Morì a Roma il 16 dicembre 1978.