Warning: array_shift() [function.array-shift]: The argument should be an array in /web/htdocs/www.calendariodelpopolo.it/home/config/ecran_securite.php on line 283
Numero 752/2011: Il 150esimo compleanno degli italiani - Calendario del Popolo

Numero 752/2011: Il 150esimo compleanno degli italiani

Postato da Redazione il 1 03 2011 in I numeri

Il 150esimo compleanno degli italiani


A cura di:
Ada Gigli Marchetti
ISSN: 9770393 374002 10752

Nell’anno in cui si celebra il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, Il Calendario del Popolo è in libreria con un’edizione monografica dedicata a un importante aspetto di questo nostro secolo e mezzo di storia: la formazione e le trasformazioni della società italiana. Questa ricorrenza è l’occasione per chiederci non solo come siamo nati, celebrando il Risorgimento, ma anche come siamo cresciuti insieme, che società eravamo e quale – e quante – siamo diventate. Ripercorriamo il fenomeno delle nostre migrazioni e le loro motivazioni economiche e sociali, fino ad arrivare al momento in cui siamo diventati noi, a nostra volta, meta di immigrazione. Ricordiamo le battaglie per l’emancipazione femminile, le trasformazioni dell’istituzione familiare, dei costumi e della morale. Analizziamo l’influenza esercitata dalla radio, dalla televisione e ora dai nuovi media sulla nostra società. Arricchito dalle fotografie del progetto I Mille di Alessandro Pavia, questo numero de Il Calendario del Popolo tratta in modo originale 150 anni di storia sociale italiana.

SOMMARIO


Il tricolore
Franco Della Peruta

Editoriale
Sandro Teti

Lingua, identità nazionale e scuola pubblica
Tullio De Mauro

Una lingua per tutti: l’italiano 150 anni dopo
Silvia Morgana

Mostrare un legame, dal mattino presto
Barbara Goretti

Una seggiola e una forchetta
Paolo Nori

Stato unito, nazione divisa
Stefano Bruno Galli

La sociologia prefascista e la “coscienza nazionale”
Franco Ferrarotti

Da Sud a Nord
Riccardo Terzi

Cronologia

L’Italia è repubblicana e unitaria
Luciano Canfora

Lavorare per 150 anni
Carlo Ghezzi

Il socialismo italiano
Maurizio Punzo

Garibaldi e l’utopismo socialista
Giuseppe M. Longoni

Il colonialismo italiano. 100 anni di storia amara
Franco Cardini

Chiesa e nazione italiana
Daniela Saresella

Resistenza ieri e domani
Carlo Smuraglia

Flussi e movimenti migratori nell’Italia unita
Patrizia Audenino

Le origini del Corriere della Sera
Massimo Nava

Il Risorgimento della libreria
Ada Gigli Marchetti

Associazionismo e democrazia
Paolo Beni

«Verdi l’è mort!»
Giuseppina Manin

Il teatro italiano dall’Unità a oggi
Magda Poli e Andrea Bisicchia

Sport e storie d’Italia
Sergio Giuntini

L’uccellino (polifonico) della radio
Bruno Ambrosi

Comunità nazionale e cinema
Roberto Campari

GLI ARTICOLI


Il tricolore di Franco Della Peruta – La storia della bandiera italiana, il suo caricarsi di valore simbolico attraverso gli eventi del Risorgimento e la proclamazione del Regno d’Italia; emblema di un patriottismo in fieri.

Lingua, identità nazionale, scuola pubblica di Tullio De Mauro – Una presa di coscienza delle peculiarità storiche e culturali che hanno determinato la ricerca di un’identità nazionale da parte del neonato Stato italiano.

Una lingua per tutti: l’italiano 150 anni dopo di Silvia Morgana – L’italiano come lingua “in movimento”: la difficile compresenza di un magma di dialetti e di una lingua ufficiale nel periodo pre e postunitario, le innovazioni derivate dalla mediatizzazione nel corso del Novecento, i prestiti stranieri ed elementi gergali, il recente apporto angloamericano.

Chiesa e nazione italiana di Daniela Saresella – L’ambiguo ruolo giocato dalla Chiesa nel percorso d’unificazione della penisola, l’oscillazione dei rapporti tra le due Rome.

Il Risorgimento della libreria di Ada Gigli Marchetti – Una riflessione sull’importanza preponderante degli editori nel percorso di alfabetizzazione e acculturamento di un’intera nazione alle soglie dell’unità italiana.

Verdi L’è mort! di Giuseppina Manin – La figura del compositore musicale, simbolo dello spirito risorgimentale, nel quadro di un mancato teatro nazionale e di regia.